CESURA | PROGETTAZIONE E PUBBLICAZIONE DI UN PROGETTO FOTOGRAFICO


CESURA | PROGETTAZIONE E PUBBLICAZIONE DI UN PROGETTO FOTOGRAFICO | MODENA 28-29 APRILE 2018

Con Arianna Arcara e Luca Santese

Per informazioni e iscrizioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 3283260054

scheda iscrizione Cesura
 


 

Il workshop ha l’obiettivo di guidare i partecipanti nella finalizzazione di un progetto fotografico. Particolare attenzione verrà data alle modalità più appropriate per selezionare le fotografie allo scopo di ultimare un progetto in relazione alla sua pubblicazione.  Attraverso l’analisi delle pratiche di Editing e Storytelling si mira a fornire gli strumenti necessari alla costruzione di un progetto fotografico finalizzato alla pubblicazione editoriale e alla progettazione e realizzazione di una mostra e di un libro fotografico. A questo scopo si darà particolare attenzione ai progetti degli studenti di cui si discuterà forma e contenuto in modo da migliorarne l’efficacia nell’ambito di competenza. Verranno approfondite le strategie di diffusione, promozione e distribuzione del propri progetti. È richiesto allo studente di presentare una selezione delle proprie immagini o un progetto in fase di realizzazione.

Giorno 1

• Introduzione a Cesura e a Cesura Publish. Perché costituire un gruppo di lavoro indipendente finalizzato alla produzione indipendente di qualità attraverso l’imposizione sul mercato editoriale internazionale e la produzione interna di prodotti editoriali librari.

• Introduzione a editing e storytelling attraverso la lettura del libro Found Photos in Detroit con approfondimento dei criteri di realizzazione dal concepimento alla realizzazione editoriale ed espositiva del progetto. Come scegliere, progettare e finalizzare un idea di progetto fotografico concretizzandolo nella realizzazione di un pubblicato editoriale, un libro e un progetto espositivo.

• Editing: la scelta delle immagini. Metodologie nell’editing secondo il genere e approfondimenti sull’ibridazione tra generi. I linguaggi del fotogiornalismo, del ritratto, dello still-life e della fotografia documentaria dialogano nella costituzione di nuovi generi ibridati. Esemplificazione attraverso l’analisi di progetti realizzati da fotografi di Cesura e del panorama internazionale.

• Storytelling: pensare una storia. Analisi dei criteri di narrazione attraverso l’utilizzo dell’immagine fotografica. Come costituire una sequenza di immagini pensata e finalizzata al racconto, alla documentazione ed all’innovazione dello stesso linguaggio fotografico nel suo utilizzo narrativo e di ricerca. Analisi delle strategie di diffusione e promozione del proprio lavoro.

Giorno 2

• Discussione sui progetti degli studenti attraverso gli elementi di critica forniti.

 

Arianna Arcara è nata a Monza nel 1984.

Ha studiato fotografia presso l’Istituto Europeo di Design dove ha ottenuto una borsa di studio per il Milwaukee Institute of Art and Design.

Dopo gli studi inizia a lavorare come assistente per il fotografo Alex Majoli e nel 2006 fonda con Luca Baioni, Gabriele Micalizzi, Alessandro Sala e Luca Santese il gruppo fotografico Cesura.

Nel 2009 è stata selezionata nella ‘’Young Blood 09 Selezione Annuale dei talenti italiani nel mondo”.

Nel 2010 ha vinto il Premio Canon Giovani Fotografi con il progetto “Woodward Silence” ed è stata selezionata per il Premio Riccardo Pezza con il lavoro

“Po/The River”.

Sempre nel 2010 espone il suo lavoro “Found Photos in Detroit” al Le Bal Space/Parigi e nel 2011 al Kulturhuset di Stoccolma.

In seguito alla mostra, nel 2012, viene pubblicato il libro “Found Photos in Detroit” che riceve diverse selezioni come miglior libro dell’anno.

Nel 2013 viene nominata per partecipare a “Plat(T)form 2013”, selezione annuale di fotografi emergenti Europei presso il Fotomuseum di Winterthur.

Nel 2014 il progetto “Found Photos in Detroit” viene esposto al Museum of Contemporary Art di Chicago e il libro viene selezionato per far parte del volume

“The Photobook: A History Volume III”.

I suoi lavori sono stati pubblicati in diversi magazine nazionali e internazionali ed esposti in diversi musei e gallerie fra quali: Spazio Forma/Milano,

Triennale/Milano, Le Bal Space/Parigi, MoCP/Chicago, Kulturhuset/Stoccolma, OGR/Torino.

Nel settembre 2014 il progetto “Carte de visite”, curato da Roberta Pagani e presentato dall’associazione Nopx vince il bando della Compagnia di San

Paolo/Torino, CAP 10152.

Nel 2015 viene selezionata per far parte del progetto epea03, European Photography Award.

 

Arianna Arcara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luca Santese
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

Luca Santese (1985) é nato e cresciuto nell’area di Milano.
Ha studiato all’Istituto Statale d’Arte di Monza e all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.
Durante gli anni dell’accademia ha iniziato a lavorare nel laboratorio di stampa di Alex Majoli e nel 2008 ha fondato con Arianna Arcara, Luca Baioni,
Gabriele Micalizzi, Andy Rocchelli e Alessandro Sala il gruppo Cesura.
Cesura é un gruppo di fotografi che produce progetti indipendenti. L’idea centrale é quella di creare un gruppo forte ed indipendente capace di produrre qualità e
ricerca in ambito artistico.
Nel 2009 é stato selezionato da Photolucida Critical Mass come nuovo talento.
Nel 2010 é stato selezionato dal premio World Press Photo con il progetto Detroit 2009-2010 e nello stesso anno ha esposto per la prima volta il progetto
Found Photos in Detroit al Le Bal Space di Parigi a cui sono seguite le esposizioni al Kulturhuset di Stoccolma, alle OGR di Torino e al MoCP di Chicago.
Nel 2011 ha pubblicato – con Arianna Arcara – il libro Found Photos in Detroit che ha collezionato sette nomination come miglior libro fotografico dell’anno
e recentemente selezionato da Martin Parr e Garry Badger per la collana: Photobook: A History Vol III, che raccoglie i migliori 200 libri fotografici dopo la
seconda guerra mondiale.
Il lavoro di Luca é stato pubblicato ed esposto in Europa, Russia e Stati Uniti.

Materiale Necessario

Per ogni studente una selezione di massimo 150/200 fotografie parte di uno o più progetti o di un portfolio personale in formato digitale (in aggiunta anche alcune stampe se i partecipanti hanno piacere)

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.

 

Per restare aggiornato su tutti gli appuntamenti iscriviti alla newsletter

 

Conversazione e documentazione visiva con Franco Vaccari | Conduce l’incontro William Guerrieri


SABATO 14 APRILE 2018

In collaborazione con Teatro dei Venti e Biblioteca Poletti, a cura di Chiara Ferrin,
Lo Sguardo Degli Altri presenta:

FRANCO VACCARI | CONVERSAZIONE E DOCUMENTAZIONE VISIVA |

CONDUCE L’INCONTRO WILLIAM GUERRIERI

ore 17.30 presso la Sala dell’Ex Oratorio – Palazzo dei Musei – Modena (Si accede da Viale Vittorio Veneto 5, e da da Piazzale Sant’Agostino 337)

L’incontro è a ingresso libero
Per informazioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 3283260054

Per restare aggiornato su tutti gli appuntamenti iscriviti alla newsletter

 
Franco Vaccari, Esposizione in tempo reale, lascia su queste pareti una traccia fotografica del tuo passaggio, 1972
 

"Franco Vaccari, Esposizione in tempo reale, lascia su queste pareti una traccia fotografica del tuo passaggio, 1972"

 

Franco Vaccari (1936, Modena) compie studi a indirizzo scientifico laureandosi in fisica. Esordisce come poeta visivo con Pop esie (1965), Entropico e Le tracce (1966). Nel 1972 è invitato a partecipare alla Biennale di Venezia, dove conquista notorietà internazionale con l’Esposizione in tempo reale # 3 “Lascia su queste pareti una traccia fotografica del tuo passaggio”. Nelle “Esposizioni in tempo reale”, importante è il ruolo della fotografia che è utilizzata sia come documento, che come strumento per la realizzazione dell’evento, che spesso prevede il ruolo attivo dello spettatore nel dare significato all’opera prodotta. Dalle prime “Esposizioni in tempo reale”, la riflessione teorica sulla fotografia accompagnerà sempre l’attività artistica di Franco Vaccari, con la produzione di brevi saggi e pubblicazioni fra i quali l’importante “Fotografia ed inconscio tecnologico”, edito nel 1978. Oltre alle successive partecipazioni alla Biennale di Venezia del 1980 e del 1993, con due sale personali, numerose sono le esposizioni in Italia e all’estero fra le quali ricordiamo una mostra antologica nel 1984 al Museum Moderner Kunst di Vienna, la partecipazione nel 1986 alla XI Quadriennale di Roma.

Nel 1999 partecipa alla mostra “Minimalia” al PS1 Contemporary Art Center di New York, nel 2001 è a Varsavia presso il Centro per l’Arte Contemporanea, nel 2004 a Praga all’Istituto Italiano di Cultura e nel 2008 a Lugano al Museo Cantonale d’Arte. Ancora in anni più recenti partecipa a importanti esposizioni a livello internazionale fra le quali la Biennale di Gwangju (Corea del Sud) e la mostra “Strange Comfort” alla Kunstalle di Basilea. A tutt’oggi ha realizzato 45 “Esposizioni in tempo reale”, numerosi video e 28 libri d’artista.

 

William Guerrieri (1952, Modena) è fotografo e curatore, ed è stato negli anni Novanta ideatore del progetto Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea (Rubiera, Reggio Emilia). Ha curato per Linea di Confine numerose mostre fra le quali “Via Emilia. Fotografie, luoghi e non luoghi” (L’Ospitale, Rubiera, 1999/2000), “Luoghi come paesaggi. Fotografia e committenza pubblica in Europa negli anni Novanta” (Galleria degli Uffizi, Firenze, 2000), “Linea veloce Bologna-Milano” (l’Ospitale, Rubiera, 2003-2010) e con Antonello Frongia “Red Desert Now! L’eredità di Antonioni nella fotografia italiana contemporanea” (L’Ospitale, Rubiera, 2017). Ha partecipato come autore a numerose esposizioni in Italia ed in Europa e ha pubblicato monografie e saggi fra i quali “Attualità del documentario” in “Luogo e identità nella fotografia italiana contemporanea” a cura di Roberta Valtorta, Einaudi, Torino, (2013).

 
 

MAURIZIO BUSCARINO | UNA FOTOGRAFIA




MAURIZIO BUSCARINO | UNA FOTOGRAFIA | MODENA 25 NOVEMBRE 2017

RIMANDATO AL 17 MARZO 2018

scheda iscrizione Maurizio Buscarino

 

"Amleto nel cortile dell'aria" ©Maurizio Buscarino

©Maurizio Buscarino.
“Amleto nel cortile dell’aria”
Compagnia della Fortezza, Carcere di Volterra 2001

 

L’incontro con Maurizio Buscarino si svolgerà nel pomeriggio di sabato 17 marzo e sarà dedicato al racconto del suo percorso, del suo approccio col teatro e del pensiero che lo ha guidato in una ricerca costante e profonda. Non un corso di fotografia di scena, ma un’immersione nel periodo che lo ha legato alla storia del teatro contemporaneo.
Una lezione di fotografia e di cultura teatrale insieme.

Nel corso dell’incontro Maurizio Buscarino proietterà due video di montaggi sonori, “Ombre di legno” e “In cerca di luce”.

Per informazioni e iscrizioni potete scrivere a foto@chiaraferrin.com o telefonare al
328 3260054 oppure potete direttamente completare e inviare la scheda di iscrizione

“Ho sempre cercato di vedere il teatro dal punto di vista della mia estraneità, il sentimento necessario per “vedere”, come in strada, come nel gioco che facevo da bambino: quello di guardare chi viene, chi appare nella luce del campo visivo e se ne va dall’altro lato, di nuovo nel niente. Nel teatro e nella vita il niente è il senso primo e ultimo, è la quinta amniotica, il nulla, il nero. Qualcuno – ognuno – sbuca da questo nulla, attraversa uno spazio e un tempo, in un percorso più o meno complesso, per annunciare a “me” la sua scomparsa di nuovo nel nulla. Questo è il teatro: ma se ti poni da questo punto di vista è teatro anche l’attimo in cui ti guarda un capriolo nel bosco, o l’ambito interno della famiglia, o il carcere, ma anche la guerra, la piazza, le strade della città o quelle dei moderni pellegrini: è la vita nel campo del mio sguardo, che è tutto ciò che mi lega a questa vita.”
Teatro e Storia n.36-2015: Una fotografia, Maurizio Buscarino

“È essenziale stabilire un rapporto, anche senza troppe dichiarazioni d’intenti, in ore o notti di lavoro o in pochi istanti. Una premessa essenziale è sapere che la fotografia è una azione, un atto incidente e drammatico: si osserva la realtà disturbandola. Molto difficilmente la fotografia ha una connotazione umoristica. In essa si manifesta l’assenza: è un segno concreto che annuncia un’altra realtà, come una moneta d’argento che materializza il valore che si prende con la mano, per tenerselo.
Un ritratto, ma anche la sistemazione spaziale di ciò che accade nel luogo in cui si vede accadere qualcosa, non è solo il risultato di un’abilità nel manovrare gli attrezzi; non è trascurabile, ad esempio, una cultura di carattere pittorico o della storia dell’arte, che può far parte del bagaglio mentale del fotografo.
Nel rapporto di cui parlo, punto a toccare la presenza che transita dentro la maschera.
Nel teatro – il paesaggio umano che ho scelto – ho spiato la sospensione, la fatica, il sudore, la forza, ma anche l’instabilità, il timore e l’incantamento di chi compie il suo percorso nel mio campo visivo. Non mi sono sentito un’anima bella che prova il gusto della sensibilità allo spettacolo. Non volevo provare piacere, volevo capire. La mia estraneità al teatro non consisteva nel godere della finzione, ma nel vederne la realtà: la più grande e drammatica bellezza. Non mi sono sentito e non ho voluto essere un uomo di teatro, ma un uomo nel teatro.
Anche nella guerra ci sono i fotografi della guerra e i fotografi nella guerra. I primi sono fotografi aziendali, al soldo della forza. Gli altri sono fotografi che vanno a vedere ciò che accade realmente nella guerra. I primi sono quelli della guerra in Iraq, anime belle che hanno accettato di rappresentare la finzione del committente, dai quali non è venuta nessuna verità, falsi testimoni. I secondi, per esempio, sono quelli nella guerra in Vietnam – ne sono morti duecentocinquanta – che hanno contribuito in maniera importante a determinare la fine della guerra stessa, mostrandone la verità.
Ho sempre sentito l’avversione al servizio, pensando che l’onestà del mio lavoro e della mia testimonianza coincidesse con la mia piccola ma precisa necessità.”
Da un’intervista di Mariagiulia Colace.

 

 

Maurizio Buscarino (Bergamo, 1944)

Fra le firme più prestigiose della fotografia in Italia, dal 1973 produce un imponente lavoro sul teatro contemporaneo e, allo stesso tempo, una tenace e singolare rappresentazione della sua visione del mondo, restituendo immagini mirabili dal teatro europeo, americano e orientale, da Jerzy Grotowski a Tadeusz Kantor, dall’Odin Teatret a Eimuntas Nekrosius, dal teatro Kabuki al teatro nelle Carceri, dal teatro di Ricerca al teatro Lirico, dalla teatralità dei margini a quella istituzionale.
Nelle sue fotografie ogni Figura appare protagonista, collocata in un paesaggio costellato dai grandi dell’ultimo Novecento, insieme alla moltitudine degli sconosciuti. Tutti appaiono transitare sul palco dell’esistenza, ognuno nella propria fortissima unicità, ma tutti segnati da una comune appartenenza: la coscienza del rischio quotidiano dell’entrata in scena, per annunciare la propria scomparsa.

Tra i suoi libri:
Attore, Maurizio Buscarino, Regione Toscana, Centro per la Sperimentazione e la Ricerca Teatrale di Pontedera, Pontedera (PI) 1980
La classe morta di Tadeusz Kantor, Maurizio Buscarino, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano 1981
Vola Vola Peter Pan, Maurizio Buscarino, Marco Rota, Teatro Viaggio, Bergamo 1982
Portfolio, Maurizio Buscarino, La casa Usher, Firenze 1983
Il teatro abbandonato, Maurizio Buscarino, La Casa Usher, Firenze 1985
Il popolo del teatro, Maurizio Buscarino, Electa Leonardo Arte, Milano 1999
Kantor Il circo della morte, Maurizio Buscarino, Art& Edizioni, Udine 1997
Le Marche dei Teatri, Maurizio Buscarino, (2 volumi) Skira, Milano 2000
Un figlio dello Yiddish, Maurizio Buscarino, Electa Leonardo Arte, Milano 2000
Per antiche vie, Maurizio Buscarino, Electa Leonardo Arte, Milano 2001
Kantor, Maurizio Buscarino, Electa Leonardo Arte, Milano 2001
Post Cantum/un Paese, Maurizio Buscarino, Centro Culturale Poscante, Poscante 2001
Il teatro segreto, Maurizio Buscarino, Electa Leonardo Arte, Milano 2002
La giornata libera di un fotografo, Maurizio Buscarino, Titivillus Edizioni, Corazzano (Pi)
2002/06
Dèi Pupi, Electa Leonardo Arte, Milano 2003
Buio Luce Buio, Maurizio Buscarino, Titivillus Edizioni, Corazzano (Pi) 2003
Freigang eines Photographen, Maurizio Buscarino, traduzione e prefazione di Elmar
Locher, Edition Sturzflüg, Bozen – Studien Verlag, Innsbruck 2004
Gente di Zogno/che questo tempo chiamarono antico, Maurizio Buscarino, Comune di Zogno, Zogno 2004
Baj scenologia, Maurizio Buscarino, Titivillus Edizioni, Corazzano (Pi) 2004
Il mare dietro il muro, Maurizio e Federico Buscarino, Electa Milano 2008
Il segno inspiegabile, Maurizio Buscarino, Titivillus Edizioni, Corazzano (Pi) 2008
Solo Jazz/ dal Palazzetto al Donizetti, Maurizio Buscarino e Federico Buscarino, Elleni Galleria/Press R3, Bergamo 2014

 

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI
foto@chiaraferrin.com
Telefono 328 3260054

scheda iscrizione Maurizio Buscarino

 

DoveTeatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.

L’INCONTRO PREVEDE IL PAGAMENTO DI UNA QUOTA.
I POSTI SONO LIMITATI E LE ISCRIZIONI SARANNO VALIDE IN BASE ALL’ORDINE DI ARRIVO

 

 

 

LAURA MANIONE | CITTÀ A CARATTERI MOBILI



LAURA MANIONE | CITTÀ A CARATTERI MOBILI | MODENA 20-21 GENNAIO 2018

Per informazioni e iscrizioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 3283260054

 

scheda iscrizione Laura Manione

 

MODENA-1-Pagina001

 

Così come la stampa a caratteri mobili rivoluzionò la divulgazione dei testi, allo stesso modo anche la fotografia produsse un cambiamento epocale nella produzione e nella diffusione delle immagini.
Unendo idealmente i due procedimenti, questo laboratorio, inserito nella rassegna “Lo sguardo degli altri”, proporrà una rivisitazione fotografica della città ispirata e abbinata ad alcune pagine scritte da autori particolarmente significativi.
I partecipanti, al termine della sessione teorica che introdurrà il rapporto tra fotografia e città e tra fotografia e letteratura, saranno chiamati a “sondare” il contesto urbano, partendo proprio dall’interpretazione personale dei brani selezionati.
Al termine della sessione pratica, sarà eseguito l’editing sulle immagini prodotte.

Programma e orari:
sabato 20 gennaio, ore 14 – 18: lezione teorica;
domenica 21 gennaio, ore 10 -13 e 14 -18: riprese in esterno; editing.

Destinatari: Persone che praticano la fotografia o interessate ad approfondire la cultura fotografica.

 

LAURA MANIONE

Nata nel 1968, laureata con lode alla Facoltà di Magistero di Torino con una tesi sperimentale sulla Storia della Fotografia, svolge attività di storica e critica della fotografia ed è direttrice dell’Archivio fotografico “Luciano Giachetti – Fotocronisti Baita” di Vercelli. Ha curato mostre storiche sul lavoro femminile, sulla Resistenza, sulla Ricostruzione e sull’ambiente rurale vercellese, sugli anni Cinquanta e Sessanta e su vari aspetti della storia e del costume. Ha scritto saggi per riviste storiche e per cataloghi di esposizioni fotografiche.

Ha tenuto corsi e conferenze per il ministero della Pubblica Istruzione, per il Dams di Torino e per varie istituzioni e scuole pubbliche e private.

Ha scritto diversi testi critici e curato esposizioni di fotografia contemporanea per istituzioni pubbliche e per gallerie private di Torino, Venezia, Bologna.

In Francia ha partecipato alla cura di esposizioni di fotografia contemporanea e scritto presentazioni critiche per autori italiani e francesi.

Suoi testi di critica sono stati pubblicati su cataloghi in Italia (Piemonte, Emilia Romagna e Toscana) e in Francia (Lione, Nantes, Bordeaux).

Pubblica articoli sul suo blog www.lauramanione.it

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.

 

LO SGUARDO DEGLI ALTRI | Edizione 2017/2018




Dopo un’estate di pausa e riorganizzazione delle idee, è pronta la nuova edizione della rassegna di incontri e laboratori.
Seminari e workshop per studiare e approfondire, scoprire nuovi sguardi e scoprirsi in nuove visioni.
Presto gli approfondimenti relativi ad ogni appuntamento e al Fuori Programma, ancora in preparazione, che nella prima edizione ci ha portato la splendida lezione di William Guerrieri, sulla fotografia degli anni ’70.

Anche quest’anno gli incontri si terranno a Modena presso la sede del Teatro dei Venti.
Per info e iscrizioni foto@chiaraferrin.com
Mobile 3283260054

 

MAURIZIO BUSCARINO  | Una fotografia | 17 marzo 2018

LAURA MANIONE  | Città a caratteri mobili | 20-21 gennaio 2018

CESURA  | Editing e Storytelling, Progettazione e Pubblicazione di un progetto fotografico | 28-29 aprile 2018

 

Per restare aggiornato su tutti gli appuntamenti iscriviti alla newsletter

 

 

Bilanci di una prima edizione




La prima edizione si è conclusa e con lo sguardo degli altri abbiamo avuto tutti l’opportunità di immergerci in nuove visioni.
Rottura di schemi, rovesciamento di luoghi comuni, personali destabilizzazioni.
Abbiamo affondato il pensiero nella sapienza altrui, donata senza remore da professionisti di alto livello, sia sul piano intellettuale che umano.

Laura Manione | Erbario Intimo | Lo sguardo degli altri 2016/17 | © Chiara Ferrin
Laura Manione | Erbario Intimo | Lo sguardo degli altri 2016/17 | © Chiara Ferrin

 

Non è stato semplice pensare, progettare, organizzare e gestire la rassegna completamente da sola, completamente da zero. Inutile, insomma, nascondere che ci sono state alcune difficoltà, di certo più di quanto mi aspettassi. Ma va bene così, perché è stato bellissimo! Ogni cosa fatta per la prima volta paga uno scotto, ma fortunatamente sulla bilancia le soddisfazioni pesano più delle difficoltà. Questione di tempo, di fiducia. Da settembre si ricomincia e già ora sto lavorando alla prossima edizione. Quindi state lì.

Questo è il momento per fare bilanci ma anche per ringraziare.

William Guerrieri | Lectio Magistralis | La nuova fotografia degli anni '70| Lo sguardo degli altri 2016/17 | © Chiara Ferrin
William Guerrieri | Lectio Magistralis | La nuova fotografia degli anni '70| Lo sguardo degli altri 2016/17 | © Chiara Ferrin

 

Io quindi ringrazio di cuore, e non è un modo di dire, Fulvio Bortolozzo, Laura Manione, William Guerrieri, Tano D’Amico, Efrem Raimondi, Maurizio Buscarino, per la disponibilità, l’entusiasmo, la gentilezza e la fiducia con cui hanno accettato il mio invito. Ringrazio i partecipanti ai workshop per la serietà con la quale hanno affrontato il lavoro proposto e perché senza di loro non sarebbe stato possibile scrivere queste righe.
Ringrazio tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa, anche solo diffondendo le notizie.
E ringrazio il Teatro dei Venti, che ha dato una casa accogliente alla rassegna.

Ci sono moltissime ragioni per lasciar perdere ma ci sono moltissime buone ragioni per continuare.

Efrem Raimondi | La sede del ritratto | Lo sguardo degli altri 2016/17 | © Chiara Ferrin
Efrem Raimondi | La sede del ritratto | Lo sguardo degli altri 2016/17 | © Chiara Ferrin

 

 

EFREM RAIMONDI | LA SEDE DEL RITRATTO




EFREM RAIMONDI | LA SEDE DEL RITRATTO 11-12 MARZO 2017

Per informazioni e iscrizioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 328 3260054

scheda iscrizione Efrem Raimondi

 

John Siciliano, logistica Milano Concerti. Per GQ Italia, marzo 2000.

John Siciliano, logistica Milano Concerti. Per GQ Italia, marzo 2000.

 

Due giornate piene nelle quali la parte teorica è prodotto della visione che Efrem Raimondi ha del ritratto, e che manipola l’impianto tecnico-pratico ritenendolo totalmente subordinato al vero soggetto, cioè il linguaggio: come stessimo parlando di fotografia e non solo di un genere. Anzi travalicandolo. Con un quesito specifico al quale trovare una risposta: dove risiede il ritratto? Da dove partire? Per giungere a cosa?

Zero modelle, zero modelli: saremo noi stessi artefici del percorso pratico. Perché è un workshop a tutti gli effetti, non un aperitivo.

Step 1: visione del lavoro di Efrem Raimondi, definizione delle specifità del ritratto, analisi dei cliché.

Step 2: dialogo sui contenuti del ritratto e sulle scelte apparentemente solo tecniche, tipo la luce, le ottiche, il taglio ecc, e che invece partecipano alla cifra espressiva e alla riconoscibilità, o meno, dell’autore.

Step 3: all’interno di un set predefinito i partecipanti saranno alternativamente soggetto attivo e soggetto passivo. Si scatta, ma…

Step 4: visione e editing del lavoro prodotto.

 

Cose da portare:

- una fotocamera reflex digitale, – un computer portatile se disponibile, – una chiavetta USB per caricamento file,  Volendo ma NON obbligatorio, portare un portfolio del proprio lavoro. max 20 immagini. Formato cartaceo o digitale.

I POSTI SONO LIMITATI E LE ISCRIZIONI SARANNO VALIDE IN BASE ALL’ORDINE DI ARRIVO

 

Per approfondire

http://www.efremraimondi.it/menu.php

http://blog.efremraimondi.it/

http://blog.efremraimondi.it/workshop-mi-fido-di-adesso/

http://blog.efremraimondi.it/ritratto-quattro-regole-pero/

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.

TANO D’AMICO | IMMAGINI E STORIA

TANO D’AMICO | IMMAGINI E STORIA 25-26 FEBBRAIO 2017

Per informazioni e iscrizioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 3283260054

 

I POSTI SONO LIMITATI

 

tano

Tano D’Amico parlerà del rapporto tra immagini e storia, cosa succede quando si tenta di raccontare una storia attraverso l’immagine, come invadono la vita concetti come “memoria” e “poesia”, che valore ha la storia, da cosa scaturisce la forza della fotografia in rapporto all’occhio di chi guarda. Le immagini sono il mezzo con cui i popoli raggiungono la consapevolezza storica e che solo un fatto ben rappresentato può essere ricordato; l’immagine diventa così il primo simbolo del cambiamento: “[…] da più di mezzo secolo ormai si è affermato questo tipo di immagine, l’immagine che documenta, che registra. È un tipo di immagine che non ha mai cambiato niente, che non fa altro che perpetuare il modo di vedere di chi comanda. Una rappresentazione letterale della realtà non fa altro che spingere a un’ulteriore passività. Si riduce l’immagine a cosa che non ha una vita propria, che vive in funzione della didascalia”.

“[…] Si costruisce una fotografia che ostenta falsi limiti. Il falso mosso, gratuito, senza motivo, senza causa reale. Il falso fuori fuoco. Il falso buio, il falso scuro […]. Si costruisce un falso limite da cui far scaturire una falsa poesia. […]. Spesso i reportage dei nostri giorni non sono altro che raccapriccianti atlanti degli orrori. […] una immagine forse conta più per l’invisibile che c’è in essa che per le cose e le persone che fa vedere […].”

Durante il seminario, Tano D’Amico sarà disponibile a visionare il lavoro che i partecipanti decideranno di portare per una valutazione.

Tano D’Amico

Libri parole fotografie, un solo percorso di ricerca che si snoda dal 1970 a oggi. Dalle manifestazioni studentesche alla emancipazione delle donne, alla lotta per la casa, agli scioperi e alle occupazioni dove furono protagonisti donne, operai, disoccupati, studenti, sottoproletari e i loro antagonisti – quante volte loro malgrado – carabinieri, infiltrati, agenti di PS, esattori e funzionari. Tutto quello che non poteva interessare i mezzi di comunicazione di massa è rimasto nelle foto di Tano. E’ l’altra storia, l’altra faccia. Dalla parte dei senza nome, dei senza voce e senza volto: i produttori e l’esercito industriale di riserva, quelli che fanno la storia e la storia li scarica ai bordi dei suoi libri. Belli, mai miseri e meschini anche quando la miseria li inchioda alle strade e alle case, alla follia e alla violenza. L’urlo, il pugno, il lacrimogeno, la smorfia il sorriso, la dolcezza la rabbia, tutto questo e il resto concorre a ricordare e a restituire all’uomo una parte della sua bellezza. I primi soldi che Tano prese per le sue fotografie gli furono offerti dagli occupanti abusivi di case a Roma, nel mezzo della loro lotta disperata. Glieli portarono in una busta chiusa sotto una tazza di caffè adagiata su un centrino. Non avevano voluto altri fotografi che lui. Perché lui li guardava stupendi com’erano e loro senza quasi conoscerlo gli volevano bene.

Paolo Tonini

 

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.

WILLIAM GUERRIERI | NUOVA FOTOGRAFIA ITALIANA FRA DOCUMENTAZIONE E RICERCA NEGLI ANNI ’70

14 GENNAIO 2017
WILLIAM GUERRIERI | NUOVA FOTOGRAFIA ITALIANA FRA DOCUMENTAZIONE E RICERCA NEGLI ANNI SETTANTA

 
L’incontro è a ingresso libero ed è preferibile prenotarsi.
Le prenotazioni avranno validità in base all’ordine d’arrivo.

Per informazioni e prenotazioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 3283260054

 

franco-vaccari-viaggio-sul-reno-1974Franco Vaccari, Viaggio sul Reno, 1974

 

La “nuova” fotografia italiana negli anni Settanta fra documentazione e ricerca.

Gli anni settanta sono il decennio di una svolta cruciale per la fotografia italiana, così come per quella internazionale. La Pop art e l’arte minimale americana, l’arte concettuale, la riscoperta di Walker Evans e la Biennale d’Arte di Venezia del 1972, i Nuovi Topografi americani, avranno una grande influenza sulla ricerca fotografica di una nuova generazione di autori.

 

 

William Guerrieri vive a Modena. Fotografo e curatore è stato ideatore insieme a Guido Guidi del progetto Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea.
Come fotografo, ha partecipato a diversi progetti pubblici d’indagine, fra i quali: Venezia-Marghera, (1998); Atlante 03 (MAXXI, 2003); Luoghi della cura (2004); Linea veloce Bologna-Milano (2006); Il Villaggio/The Village (2009).
Ha tenuto diverse esposizioni, fra le quali Venezia-Marghera (Biennale d’Arte di Venezia, 1997); Fotografia italiana per una collezione (Sandretto Re Rebaudengo, Torino,1997); Luoghi come paesaggi (Galleria degli Uffizi, Firenze 2000); Le Bati et le Vivant (Galleria Madga Denysz, Parigi, 2002); Atlante 03 (MAXXI, Roma, 2003); Sguardi contemporanei. 50 anni di architettura italiana (DARC/Biennale d’architettura di Venezia, Venezia, 2004); Trans-Emilia (Fotomuseum Winterthur, Winterthur, 2005); Il Villaggio/ The Village (Die Photographische Sammlung/SK Stiftung Kultur, Colonia, D, 2010-2011); Non basta ricordare (Maxxi, Roma, 2013-14), Ceramica, latte, macchine e logistica. Fotografie dell’Emilia Romagna al lavoro, MAST, Bologna (2016), Red Desert Now!, L’Ospitale, Rubiera (2016).
Ha pubblicato le monografie Oggi nessun può dirsi neutrale (Ar/Ge Kunst Edizioni, Bolzano, 1998); Zona 16 (Open Space, Milano, 1999); Where It Was (Linea di Confine, Rubiera, 2006); Il Villaggio (Linea di Confine, Rubiera, 2009), The Dairy. Images for the italian countryside, Koenig Books, London, 2015. Ha pubblicato vari saggi fra i quali “Attualità del documentario”, in Luogo e identità nella fotografia italina contemporanea. (A cura di R. Valtorta), Einaudi, 2013.

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.

LAURA MANIONE | ERBARIO INTIMO

LAURA MANIONE | ERBARIO INTIMO 12-13 NOVEMBRE

Per informazioni e iscrizioni
foto@chiaraferrin.com
Telefono 3283260054

 

erbarioModena

 

Ci sono fiori e piante che hanno un’importanza particolare per ciascuno di noi. Spesso ne conserviamo esemplari essicati, creando nel tempo una sorta di collezione domestica e sentimentale, custodita da libri, buste o cassetti.
Perché allora non pensare anche alla costruzione di un erbario fotografico, in cui la simbologia privata si mescoli con gli straordinari esempi forniti dall’iconografia scientifica e artistica?
Perché non trasformare comuni frammenti di natura in immagini colme di significato, immagini in grado di svelare con grazia l’esistenza di una dimensione segreta nella nostra storia personale?
Nel corso di due giorni, questo stage-laboratorio inviterà i partecipanti a trasformare la loro idea di erbario in un progetto fotografico intimo, strutturato e coerente.
La parte teorica consiste in una proiezione che introduce la botanica quale campo di indagine nella Storia dell’Arte e della Fotografia.
Si partirà con esempi tratti, fra i tanti, da tempere di Jacopo Ligozzi o da dipinti a olio di scuola italiana e fiamminga, fra cui Mario Nuzzi detto Mario de’ Fiori o Jan Brueghel Vecchio e Jan Brueghel Giovane, in cui si tratterà la nascita del genere della natura morta, per procedere poi alla descrizione dell’importanza della pittura floreale cultura occidentale dopo la scoperta dell’America, fino ad accennare alle mode quali il “tulipanismo” olandese o alla nascita delle scuole ottocentesche di Vienna e Lione.
Individuati, quindi, i tre grandi filoni di ricerca artistica legati al mondo di fiori e piante, ovvero il filone scientifico, decorativo e simbolico, la proiezione darà ampio spazio alla fotografia, dai primi esperimenti di Talbot, fino al pittorialismo, al modernismo e agli autori contemporanei che guardano alla botanica come campo di indagine. Per citare alcuni esempi, saranno mostrati lavori di Karl Blossfeldt, Imogen Cunningham, Edward Weston, Josef Sudek, Minor White, Irving Penn, Robert Mapplethorpe, Joan Fontcuberta, Thomas Struth, Urs Lüthi. La visione delle immagini permetterà una discussione approfondita sulle potenzialità della fotografia come mezzo di espressione.
Nella parte pratica saranno proposte esercitazioni in esterno, sulla base dei concetti trasmessi durante la proiezione ed estrapolati da argomenti sondati da scrittori e studiosi di botanica.
Al termine delle riprese, si affronteranno questioni relative alla valutazione e all’organizzazione degli scatti realizzati.

Il laboratorio è indirizzato ad adulti che usino la fotografia come mezzo espressivo o a persone interessate alla cultura fotografica e alle arti visive.
Non sono richieste particolari attrezzature e – soprattutto – non sono ammesse attrezzature invasive del luogo ospitante. Potranno essere utilizzate fotocamere reflex, compatte o semplici smarphone dotati di fotocamera.

Quota di iscrizione 100 euro.

Programma

 

Sabato 12 novembre

Mattino (h. 14 – 18)

- conoscenza dei partecipanti

- descrizione del corso e delle sue finalità

- brevi cenni di storia dell’arte e di storia della fotografia

- “Erbario intimo”: dall’idea al progetto fotografico

 

Domenica 13 novembre

Mattino (h. 10 -13): riprese in esterna

Pomeriggio (h. 14 – 18.30): valutazione dei lavori: editing

 

Docente: LAURA MANIONE

Nata nel 1968, laureata con lode alla Facoltà di Magistero di Torino con una tesi sperimentale sulla Storia della Fotografia, svolge attività di storica e critica della fotografia ed è direttrice dell’Archivio fotografico “Luciano Giachetti – Fotocronisti Baita” di Vercelli. Ha curato mostre storiche sul lavoro femminile, sulla Resistenza, sulla Ricostruzione e sull’ambiente rurale vercellese, sugli anni Cinquanta e Sessanta e su vari aspetti della storia e del costume. Ha scritto saggi per riviste storiche e per cataloghi di esposizioni fotografiche.

Ha tenuto corsi e conferenze per il ministero della Pubblica Istruzione, per il Dams di Torino e per varie istituzioni e scuole pubbliche e private.

Ha scritto diversi testi critici e curato esposizioni di fotografia contemporanea per istituzioni pubbliche e per gallerie private di Torino, Venezia, Bologna.

In Francia ha partecipato alla cura di esposizioni di fotografia contemporanea e scritto presentazioni critiche per autori italiani e francesi.

Suoi testi di critica sono stati pubblicati su cataloghi in Italia (Piemonte, Emilia Romagna e Toscana) e in Francia (Lione, Nantes, Bordeaux).

Pubblica articoli sul suo blog www.lauramanione.it

Ha ideato con Stefano Ghesini in progetto didattico FOLC – Fotografia Laboratorio Concettuale

 

Dove: Teatro dei Venti via San Giovanni Bosco 150 41121 Modena

Come arrivare:

da Modena sud

Dalla stazione dei treni, autobus numero 1,

fermata via Puccini, incrocio con via San Giovanni Bosco.